IL CONFRONTO CON GLI ALTRI PUÒ MIGLIORARE L’AUTOSTIMA?

CONDIVIDIMI
confronto

autostima web.com

Viviamo in una società che premia più l’apparenza che l’essenza, e il confronto con gli altri ne rappresenta uno strumento per migliorare.

Viviamo in una società che premia più l’apparenza che l’essenza! Condividi il Tweet

Problematica accentuata ancora di più dall’avvento dei social network. Quante volte monitoriamo il profilo Facebook di una persona che ammiriamo: la sua vita è perfetta e meravigliosa e, ahimè, dal confronto con lui o lei ne usciamo irrimediabilmente perdenti.

Ci rendiamo conto che si tratta solo di un’osservazione superficiale, ma non per questo smettiamo di farlo: il confronto con gli altri ci penalizza. Ci sentiamo umiliati, incapaci di raggiungere mete di successo.

Molto spesso confrontarsi con gli altri nasconde un problema di bassa autostima: dal confronto noi ne usciamo sempre sconfitti, perché evidenziamo sempre e solo le nostre mancanze.

Oppure, all’opposto, optiamo per un confronto al ribasso (cioè svalutando gli altri) per cercare di mantenere la nostra immagine positiva e nel tentativo di innalzare la nostra autostima. Ma facendo questo non abbiamo la possibilità di trarre un vantaggio da questo confronto perché non ci offre uno stimolo per migliorare.

Leggete questa lettera pubblicata su L’Huffington Post. Rachaele Hambleton, mamma inglese di 33 anni, ha scritto su Facebook un commovente messaggio di ringraziamento indirizzato ad una sconosciuta incontrata tutti i giorni sulla via per andare al lavoro. Potrebbe esservi d’ispirazione.

Un tempo ero una mamma lavoratrice a tempo pieno – si legge nel post -. Tutte le mattine, durante gli ultimi dieci anni, guidavo da Torquay fino a dopo il ponte di Shaldon per andare a lavoro e la maggior parte dei giorni mi capitava di passare di fronte ad una bellissima donna, con dei capelli ‘pazzi’ biondi e ricci. Ha iniziato dieci anni fa a portare il figlio più grande all’asilo mentre teneva i più piccoli in braccio o in un passeggino biposto, insieme anche al loro bellissimo cucciolo di golden retriever. Ogni mattina mi fermavo a guardarla e a meravigliarmi di quanto fosse organizzata, di come riuscisse a gestire il tutto e di quanto felici sembrassero i suoi bambini. Proseguivo il mio tragitto verso il lavoro con un nodo in gola pensando che qualcun altro, in quel momento, stava facendo tutte queste cose con i miei bambini perché io dovevo andare al lavoro. Questa donna mi ha fatto realizzare che davvero avevo bisogno di lavorare di meno, e imparare ad organizzarmi un po’ meglio…

Quindi, mentre passavo di fronte a te questa mattina e ti guardavo mentre baciavi tua figlia sulla fronte, la stessa che era una piccola bambina ed ora è una piccola donna…mentre il tuo cane camminava con un passo più lento perché ora è un po’ più vecchio e pensavo agli altri tuoi figli che saranno cresciuti e che ora andranno da soli a piedi a scuola, mi è venuta voglia di scrivere questo post, nella speranza che in qualche modo ti raggiunga, per dirti grazie…perché grazie a te ho ridotto le mie ore di lavoro, in modo da spendere qualche mattina a casa facendo la corsa per la scuola con tutti i miei bambini, sono sicura che ricaccerò indietro le lacrime guardando tutti i loro giochi e le loro torte (la maggior parte immangiabili) per le feste all’aperto…e amo tutto questo! È meraviglioso che uno sguardo di trenta secondi al giorno sulla vita di qualcun altro riesca a rendere la nostra vita molto più bella”.

Il messaggio è postato sulla pagina “Spotted Torquay” che raccoglie, in modo anonimo, i messaggi degli utenti della comunità di Torquay. In poco tempo il post ha raccolto più di 4000 “mi piace” e oltre 500 condivisioni, arrivando infine sotto gli occhi della sconosciuta. “Sono onorata di aver fatto la differenza nella vita di qualcuno senza neanche conoscerlo”, ha detto la donna, il cui nome è Naomi.

Questa storia ci insegna molto. Il confronto con gli altri molto spesso si rivela inevitabile, ma abbiamo una straordinaria possibilità: sfruttarlo per migliorare!

Se acquisiamo consapevolezza su noi stessi, i nostri pregi e i nostri difetti, possiamo iniziare il nostro percorso di crescita personale. Il confronto con gli altri può rappresentare in tal senso un punto di partenza, perché ci offre un obiettivo da raggiungere. Molto spesso ci fornisce la giusta carica motivazionale per avviare il nostro progetto e se riusciamo a gestire il confronto con saggezza, ne usciremo fortificati e la nostra autostima ringrazierà!

Se hai voglia di condividere i tuoi pensieri, fallo qui sotto nei commenti.

Iscriviti alla newsletter per non perdere i prossimi articoli!

ISCRIVITI QUI 

Lo staff di Autostima web

Facebook Comments
Staff Autostimaweb

Staff Autostimaweb

Lo Staff di AutostimaWeb.com at Autostimaweb
Siamo un gruppo di Coach professionisti che dopo anni di esperienza e preparazione sul Coaching e sulla crescita personale, abbiamo creato il progetto chiamato Autostimaweb per tutti coloro che sentono il bisogno di migliorarsi e ottenere davvero dei risultati tangibili attraverso il Coaching.
Tutti i nostri professionisti hanno seguito approfonditi e specifici percorsi formativi sulla Psicologia del Cambiamento e sul Coaching, e sono tutti certificati come Coach professionisti.
La maggior parte di noi ha frequentato percorsi specifici con Human Performance Italia.
Staff Autostimaweb
CONDIVIDIMI

Lascia un commento!!!

Resta Aggiornato
Iscriviti Ora

Alla nostra mailing list per ricevere articoli interessanti e aggiornamenti nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andato storto.