IL CORAGGIO

CONDIVIDIMI
coraggio

autostimaweb.com

“Un eroe non è più coraggioso di una persona comune, ma è coraggioso cinque minuti più a lungo.” (Ralph Waldo Emerson)

Don Abbondio, il pavido prete manzoniano dei “Promessi Sposi” che trovò sulla sua strada i pericolosi banditi, diceva: “Uno il coraggio se non ce l’ha, non se lo può dare”. 

È un’apparente verità che sperimentiamo tutti i giorni, in particolare quando, dopo aver intrapreso un’iniziativa, alle prime difficoltà molliamo, con la certezza di non farcela. All’inizio c’è entusiasmo, magari anche tanto, ma poi, man mano che si incontrano ostacoli, c’è chi si scoraggia e finisce per mollare. 

Qualcuno lo fa fin dalla prima difficoltà, riconoscendola come il segno di un fallimento scontato: “Ecco, lo sapevo che avrei dovuto lasciar perdere!”. Altri reggono per un po’ ma poi si appellano ai fallimenti passati come impronta di un destino già scritto: “Tanto a me non capita che le cose vadano bene. Inutile proseguire”. E infine c’è chi si lascia impressionare dal momentaneo disorientamento o dalla transitoria mancanza di risorse: “Non ce la posso fare, non ho le forze, non ne sono capace”. È così che storie d’amore e d’amicizia, ruoli educativi e genitoriali, progetti di vita e di creatività, percorsi professionali e psicologici, perdono di incisività, restano parziali o si concludono malamente. In ogni caso non diventano ciò che potrebbero o dovrebbero diventare.

“Il coraggio è quello che serve per alzarsi e parlare; il coraggio è anche quello che serve per sedersi e ascoltare.” (Winston Churchill)

Saper vivere bene lo scoramento diventa dunque, oggi più che mai, un passo fondamentale per affrontare la complessità della vita. Prima o poi la crisi, la difficoltà, l’imprevisto si stagliano sulla nostra strada e fanno delle domande, ci obbligano a rielaborare delle strategie. Questo accade soprattutto in alcuni ambiti: magari sul lavoro una persona è indomita e coraggiosa, e poi nella vita sentimentale trema di fronte ad una piccola crisi. O, al contrario, magari uno è un eroe invulnerabile dei sentimenti e poi casca di fronte alla prima critica sul lavoro. 

“Un giorno la paura bussò alla porta. Il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno.” (Martin Luther King)

Ognuno ha il proprio mosaico di coraggi e di scoramenti. Ma là dove c’è lo scoramento facile, bisogna porre rimedio, perché altrimenti la vita si blocca. Ecco perché il Don Abbondio manzoniano aveva torto.

Il coraggio non è qualcosa di già pronto, di preconfezionato, ma è un’opzione che, di volta in volta, deve essere creata e messa in atto su misura per le specifiche situazioni. Alla base di tutto, come sempre, ci deve essere la disponibilità a modificare l’immagine standard che abbiamo di noi stessi e a incontrare la vita nella sua poliedricità

Coraggio non è andare contro l’ostacolo, è osservarlo da un’angolazione diversa e scoprire magari un passaggio segreto; a volte diventa l’innesco di un’evoluzione che, senza di esso, forse non si sarebbe mai raggiunta.

“Dietro ogni impresa di successo c’è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa.” (Peter Ferdinand Drucker)

Ecco quindi cosa fare per vincere la paura e trovare il coraggio di affrontare tutte le situazioni che ti capitano davanti:

  • Accogli il senso di scoraggiamento: è fondamentale accettare il primo momento di scoraggiamento e di disorientamento di fronte a una forte difficoltà. Accettare non significa lamentarsi o fare previsioni pessimistiche, ma riconoscere obiettivamente che c’è un problema. Ricordati che demoralizzarsi non è la realtà, ma solo un transitorio stato d’animo.
  • Evita le analogie col passato: non collegare subito la difficoltà presente a eventuali fallimenti del passato, come se il destino fosse già scritto. Solo vivendo la situazione per ciò che è potrai individuarne le caratteristiche e le cause e impostare così una strategia di soluzione. E potrai anche valutare se non ti stia chiedendo di cambiare qualcosa sul tuo cammino o nelle tue modalità.
  • Cambia punto di vista: una volta appurato che vuoi davvero superare questa difficoltà, non puntare sulle risorse visibili e su come ti senti ora, ma prova a prefigurarti ciò che desideri che accada, anche se ti sembra lontanissimo. Non ti serve tanto analizzare razionalmente il problema cercando chiavi d’accesso, ma evocare immagini di te nella situazione che auspichi si verifichi. Così attivi risorse più profonde, intuitive, creative che ti fanno vedere le cose da altri punti di vista e notare al volo soluzioni prima invisibili.

Concludiamo quindi questo articolo con questo ultimo aforisma sul coraggio, che può servirvi come incitamento:

Se perderai anche tutti i tuoi beni non disperare: potranno essere ritrovati. Se perderai l’onore non disperare: forse potrai ricostruirti una nuova fama. Ma se perderai il coraggio ogni via di ripresa ti sarà preclusa.” (Goethe)

Se l’articolo vi è piaciuto aiutatemi a condividerlo sui social e per non perdervi le prossime novità iscrivetevi alla newsletter di AutostimaWeb!

Un saluto da

Sergio Amatulli

ISCRIVITI QUI

 

Facebook Comments
Sergio Amatulli

Sergio Amatulli

Executive e Team Coach, Fondatore di Human Performance Italia at Autostimaweb
Esperto in Psicologia del cambiamento, Coaching e Sviluppo Risorse Umane, ha sviluppato progetti di respiro nazionale ed internazionale per noti marchi e aziende medie e grandi dimensioni e di diversi settori.
E’ curatore del blog di riferimento sul Coaching aziendale in Italia e redattore di testi e articoli sul Coaching e sullo sviluppo dell’Intelligenza Emotiva.
E’ un Coach certificato a livello nazionale ed internazionale, e per noi di Autostimaweb sarà supervisore, mentore, e fonte di ispirazione.
Sergio Amatulli
CONDIVIDIMI

Lascia un commento!!!

Resta Aggiornato
Iscriviti Ora

Alla nostra mailing list per ricevere articoli interessanti e aggiornamenti nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andato storto.