IMPARARE AD ACCETTARE IL FEEDBACK PER CRESCERE

CONDIVIDIMI
feedback

autostimaweb.com

 

Nell’ultimo articolo vi avevo lasciato riflettere sull’importanza del feedback e di come possa aiutarci a scoprire lati di noi che ancora non conosciamo.

Per comprendere meglio questo punto avevo promesso che vi avrei parlato della “finestra di Johari”.

Si tratta di una matrice suddivisa in quattro “finestre”:

  • l’area pubblica (chiamata anche arena) contiene i fatti e le emozioni che volutamente mostriamo, che mettiamo “in piazza” e di cui parliamo in modo disinvolto. Può esprimere sia le nostre forze che le nostre debolezze, ma è quella parte di noi che scegliamo di condividere con gli altri;
  • l’area nascosta (o cieca) è quella che contiene le cose che gli altri osservano di noi e che ci sono ignote. Qui si affacciano i feedback ricevuti dagli altri che però stentiamo a far corrispondere con il nostro personaggio. In questa casella stanno tutte le critiche che ci vengono mosse nel corso della vita dalle persone che incontriamo sul nostro percorso, ma che sembrano non corrisponderci. Quest’area esprime senz’altro un aspetto della nostra personalità, perché gli altri spesso concordano, ma essendoci ignota ci stupisce perché ci obbliga a rilevare che siamo “visti” in modo diverso da come ci poniamo. Si può trattare di feedback positivi o negativi e comunque incide sul modo in cui gli altri si relazionano con noi e anche sul livello della nostra disinvoltura in determinate situazioni;
  • l’area ignota contiene quegli aspetti totalmente sconosciuti, a noi stessi e agli altri, perché è sepolta nel subconscio e si rivela solo in situazioni particolarmente emozionali;
  • l’area privata (o facciata) contiene quegli aspetti che ben conosciamo di noi stessi, ma che vogliamo tenere nascosti agli altri.
feedback

autostimaweb.com

 

L’”io pubblico” si mostra con gesti volontari, con il vestiario, con la socializzazione, mentre l’”io inconscio” e l’”io occulto” si rivelano con gesti, postura, tono di voce e movimenti involontari.

Va precisato che le informazioni contenute nelle quattro zone sono dinamiche e possono passare da una zona all’altra al variare del tipo di relazione interpersonale che si instaura tra le persone. Se aumenta il livello di fiducia grazie all’apertura personale e al corretto uso del feedback reciproco, allora diversa sarà l’ampiezza delle zone all’interno della finestra. Generalmente i rapporti formali e razionali avvengono fra gli “io aperti”; i rapporti manipolatori sono una combinazione fra “io aperto” e “io occulto”. L’”io inconscio” si rivela in situazioni emotive (amore, paura, timore). L’”io ignoto” può venir fuori inaspettatamente, con sorpresa di noi stessi e degli altri.

Adesso ci è chiaro quale grande importanza riveste il feedback nel nostro percorso di crescita personale. Accrescere il nostro livello di apertura personale ci permette di far luce sulla zona cieca della matrice, accettare il fatto che gli altri sanno cose di noi che addirittura noi ignoriamo!

Diventeremo più consapevoli e obiettivi verso noi stessi e solo allora potremo davvero capire chi siamo e progredire nel nostro percorso di crescita personale.

Se volete rischiare e affrontare la vostra ricerca con coraggio, vi indico questi quattro passi fondamentali, che tra l’altro sto mettendo in pratica anch’io:

  1. Ascolto: è importante ascoltare i feedback senza barriere, concentriamoci sulle parole di chi abbiamo di fronte senza pensare a cosa rispondere (evitiamo di ribattere!) e non restiamo sulla difensiva.
  2. Autoanalisi: ora che abbiamo raccolto i feedback, riflettiamo su noi stessi, sui nostri atteggiamenti e cerchiamo di associare la critica ricevuta ad un nostro comportamento specifico.
  3. Consapevolezza: abbiamo associato i feedback alle nostre azioni, quindi siamo riusciti ad aumentare la conoscenza di noi stessi e delle nostre potenzialità. La zona cieca del nostro “io” si sta riducendo.
  4. Miglioramento: ora inizia il vero lavoro su noi stessi. Abbiamo imparato cose di noi che non conoscevamo e abbiamo la meravigliosa opportunità di sfruttarle per migliorarci, per crescere e diventare la persona che davvero vorremmo essere.

Dobbiamo comprendere che la critica, anche la più dura da accettare, può avere una sua valenza per migliorare. Sono consapevole che per una questione di orgoglio fa male, ma se ci focalizziamo sul contenuto anziché sulla forma, essa ci può servire. La consapevolezza ancora una volta fa la differenza per il miglioramento!

Alla fine, l’obiettivo di tutti noi è essere migliori per noi stessi e vivere al meglio di noi stessi! Le persone che ci circondano e con cui interagiamo (e i loro feedback) semplicemente forniscono indizi per cambiare il nostro comportamento al meglio, anzi a volte è necessario sfruttarli in tal senso.

Non è facile, ma tutto ciò permetterà la nostra tanto ambita crescita personale!

 

Siete pronti adesso ad accettare le critiche? Raccontatelo con un commento.

E per non perdervi i prossimi articoli iscrivetevi alla newsletter!

ISCRIVITI QUI

 

A presto!

Jamila Zitoune

SULL’AUTORE: Lavoro per Human Performance Italia con l’incarico di Training & Marketing Assistant. Sono la prima figura che i clienti incontrano, infatti mi occupo di gestione dei clienti e di prospect, e seguo tutto quello che riguarda la comunicazione e la promulgazione dei nostri eventi, con l’aiuto degli altri collaboratori. Svolgo inoltre l’attività di assistente d’aula, sviluppando così anche la mia passione per le tematiche dello ‘sviluppo personale’ e della formazione.

 

Facebook Comments
Staff Autostimaweb

Staff Autostimaweb

Lo Staff di AutostimaWeb.com at Autostimaweb
Siamo un gruppo di Coach professionisti che dopo anni di esperienza e preparazione sul Coaching e sulla crescita personale, abbiamo creato il progetto chiamato Autostimaweb per tutti coloro che sentono il bisogno di migliorarsi e ottenere davvero dei risultati tangibili attraverso il Coaching.
Tutti i nostri professionisti hanno seguito approfonditi e specifici percorsi formativi sulla Psicologia del Cambiamento e sul Coaching, e sono tutti certificati come Coach professionisti.
La maggior parte di noi ha frequentato percorsi specifici con Human Performance Italia.
Staff Autostimaweb
CONDIVIDIMI

Lascia un commento!!!

Resta Aggiornato
Iscriviti Ora

Alla nostra mailing list per ricevere articoli interessanti e aggiornamenti nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andato storto.